Salta al contenuto principale

Maire Tecnimont firma un accordo con le università Baku Higher Oil School e Campus Bio-Medico di Roma

Il Gruppo Maire Tecnimont conferma il proprio impegno nella formazione siglando un’intesa con la Baku Higher Oil School (BHOS, Azerbaijan) e l'Università Campus Bio-Medico di Roma (UCBM) per favorire la cooperazione internazionale, l'integrazione interculturale e sviluppare opportunità educative tra le parti, anche al fine di promuovere la crescita del local content nei territori in cui il Gruppo opera. 

Ad inaugurare l’intesa presso l’Università Campus Bio-Medico di Roma erano presenti Vincenzo Piemonte, Presidente del Corso di Laurea Magistrale in Ingegneria Chimica per lo Sviluppo Sostenibile UCBM, Gianni Bardazzi, SVP Iniziative Speciali e Coordinamento Region, e Carlo Nicolais, capo delle Relazioni Istituzionali, Comunicazione e Sostenibilità del Gruppo Maire Tecnimont. 

La collaborazione fornirà formazione professionale sulla transizione energetica per gli studenti più promettenti del dipartimento di ingegneria delle due università. L'iniziativa prevede lo scambio di materiale didattico e informativo, l’interscambio di studenti e docenti, l'organizzazione di laboratori, incontri e programmi accademici. Presso l’Università Campus Bio-Medico di Roma è disponibile un intero percorso magistrale dedicato all’Ingegneria Chimica con focus sullo Sviluppo Sostenibile. Le future proposte della collaborazione includono la conduzione di attività di ricerca congiunte, discussioni su questioni relative alle energie alternative e la possibilità di tenere corsi di formazione sulla transizione energetica presso la BHOS, a conferma dell’impegno congiunto del Gruppo Maire Tecnimont e dell’ateneo azero nel favorire la crescita accademica e professionale delle nuove generazioni, a partire dalla prima partnership nata nel 2016. 
Il Gruppo Maire Tecnimont vanta una lunga storia di collaborazione con primarie università italiane ed estere nonché con centri di ricerca, creando un ponte tra il mondo accademico e quello industriale, nello sforzo congiunto di apportare ulteriori progressi nel campo della chimica verde e delle tecnologie a supporto della transizione energetica.